EVENTI

Dieci piccoli indiani, quattro serate in giallo a Ortona

Dieci Piccoli Indiani - ritratto dell'autrice

Quattro serate di grande teatro attendono Ortona, dal 21 al 24 febbraio il Palazzo Corvo ospiterà Dieci piccoli indiani, il capolavoro di Agatha Christie.

Le coordinate di Dieci piccoli indiani

Innanzitutto le informazioni utili per chi volesse assistere a Dieci piccoli indiani. Gli spettacoli si terranno alle ore 21 nelle giornate dal 21 al 23, mentre la domenica il giallo andrà in scena alle 17.30. La regia, come per (H) Acca come amore, di cui vi abbiamo già parlato, è affidata a Massimo Paolucci, e della pièce di Antonio Tenisci, ritroviamo anche altri attori. Lo stesso Paolucci impersona Philip Lombard, Rocco Poeta veste i panni del Generale Mackenzie, Tommaso Trozzi quelli del giudice Wargrave, mentre la bella Eliana De Marinis è Vera Claythorne.

Il capolavoro di Agatha Christie

Dieci piccoli indiani è il giallo della camera chiusa per eccellenza. Considerato tra i capolavori di Agatha Christie, è il libro più venduto della storia per quanto riguarda la narrativa gialla. Fu pubblicato per la prima volta in Gran Bretagna nel 1939. Al 1946 risale invece l’uscita italiana, nella mitica collana del Giallo Mondadori e col titolo …e poi non rimase nessuno.

Dieci piccoli indiani - Agatha Christie

Gli aneddoti sul titolo

Proprio la storia del titolo offre alcuni gustosi aneddoti. Dieci piccoli indiani, infatti, si intitola nella versione originale Ten little niggers, letteralmente Dieci piccoli negretti, riprendendo la filastrocca presente nel romanzo. Nigger Island, inoltre, è il nome di fantasia dell’isola che ospita la vicenda. La filastrocca esisteva già, era una canzone composta da Septimus Winner negli Stati Uniti nel 1868. Per non alimentare polemiche razziste, il titolo sarebbe poi stato cambiato in Dieci piccoli indiani. Per lo stesso motivo, da subito il giallo negli USA uscì col titolo And then there were none.

…e poi non rimase nessuno: la genesi del titolo italiano

Il titolo americano venne adottato anche in Italia al momento dell’uscita. Tuttavia, fu una scelta che non convinse mai appieno, tanto che nel 1977, all’ennesima ristampa, si decise di ricorrere allo stesso escamotage della canzone originale. Fu così che il titolo cambiò in Dieci piccoli indiani, quello attuale.

La trama di Dieci piccoli indiani

La trama del giallo è stata imitata in centinaia di varianti, ma all’epoca era assolutamente innovativa, soprattutto per l’assenza della figura del detective. Otto persone vengono invitate per svariati motivi a Nigger Island dal sedicente Mister Owen. All’arrivo scopriranno che il padrone di casa è assente e ad accoglierli ci sarà solo una coppia di domestici, i coniugi Rogers. Nessuno conosce Owen, compresi questi ultimi. In tutte le stanze è appesa la filastrocca e nel salone sono presenti le statuine dei dieci piccoli negretti. All’ora di cena una voce dal grammofono accusa i dieci presenti di omicidio, elencando i nomi delle vittime e le date dei crimini. Da allora inizia una serie di morti nel gruppo, fino a quando… No, questo non ve lo anticipiamo per non rovinarvi lo spettacolo.

Dieci Piccoli Indiani - Le statuine

Teatro, cinema, tv e… parodie

L’opera fu subito un grande successo, un po’ per le innovative trovate, un po’ perché la Christie scrisse alcune delle sue pagine più ispirate. Questo nonostante, o forse proprio perché, fosse orfana dei suoi personaggi più famosi, il detective Poirot e la sagace Miss Marple. Di Dieci piccoli indiani esistono svariate riduzioni per il cinema e la tv. Ricordiamo la prima, omonima, del 1945 per la regia del grande Renè Clair. La Rai trasmise la versione teatrale nel 1955, col titolo Dieci poveri negretti, mentre nel 2015 fu realizzata una bella miniserie dalla BBC, in occasione dei 125 anni dalla nascita della giallista inglese. Curiose anche alcune versioni, la parodia Invito a cena con delitto, con un supercast che comprendeva Peter Falk, David Niven e Peter Sellers, una versione pornografica del 1985 e Tutti defunti… tranne i morti del 1977, rilettura tra il grottesco e l’horror del grande Pupi Avati.

Dieci piccoli indiani, quattro serate in giallo a Ortona ultima modifica: 2019-02-18T10:59:39+01:00 da Andrea La Rovere

Commenti

To Top